Servizio Clienti (+39) 075 5069369
Email info@frateindovino.eu

Almanacco

Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic
Cover Archivio

CALENDARIO 2021

FONTI FRANCESCANE

Laudato si

"LAUDATO SI’, MI’ SIGNORE, PER QUELLI KE SOSTENGO INFIRMITATE E TRIBULAZIONE".

[761] Dimostrava una grande compassione per gli infermi e una tenera sollecitudine per le loro necessità... Tuttavia ammoniva i sofferenti a sopportare pazientemente le privazioni e a non gridare allo scandalo, se non erano soddisfatti in tutto. Per cui in una Regola fece scrivere così: «Prego tutti i miei frati infermi, che nelle loro infermità non si adirino né si turbino contro Dio o contro i fratelli. Non chiedano con insistenza le medicine, né desiderino troppo di risanare il corpo, che è nemico dell’anima e destinato a morire presto. Di ogni cosa sappiano rendere grazie a Dio, in modo da essere quali li vuole il Signore. Perché quelli che Dio ha preordinati alla vita eterna, li ammaestra con il pungolo dei flagelli e delle malattie. Ha detto infatti: “Io correggo e castigo quelli che amo”». LAUDATO SI’, MI’ SIGNORE, PER QUELLI KE SOSTENGO INFIRMITATE E TRIBULAZIONE La sofferenza è inseparabile dall’esistenza terrena dell’uomo. Tutti nel corso della vita facciamo esperienza di qualche patimento fisico o morale. La diagnosi di una malattia grave, di un tumore, ci spoglia all’improvviso di ogni volontà e ci lascia soli, vulnerabili, impotenti, disperati. Ma, anche la sofferenza causata da un semplice dispiacere è tanto insopportabile che vorremmo rifiutarla, scacciarla subito via. Tutti, direttamente o indirettamente, dobbiamo, prima o poi, sopportare eventi che non ci piacciono e non dipendono da noi, e solo in pochi li sanno sostenere «in pace». Ci sono persone che vivono esistenze dove non mancano dolore e tribolazione, ma che conservano la pace attraverso la grazia di Dio, abbandonandosi a Lui, alla Sua volontà. E questi sono «beati» come ci ricorda san Francesco. Per un cristiano, infatti, la sofferenza viene vista come una visita di Dio, fatta per conformarci a Gesù. Non è infatti la sofferenza di Gesù che ci ha redenti dal male, ma il suo amore, un amore giunto a dare la vita per noi. Al centro della nostra redenzione non c’è il dolore ma l’amore. Per questo “portare la croce” significa amare come Gesù.

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

CONTENUTO DISPONIBILE DA Ottobre 2021

Calendario

Richiedi subito la tua copia del Calendario

Sono presenti degli errori. Assicurati che i campi siano completi e corretti e reinvia il modulo.
Grazie ! La tua richiesta è stata inoltrata con successo. Ti contatteremo al più presto.